Generare tracce nella storia del mondo

Luigi Giussani - Stefano Alberto - Javier PradesRizzoli - Milano 1998
Pagine: 210

Per verificare le traduzioni disponibili, clicca qui.


Generare tracce nella storia del mondo raccoglie sistematicamente il contenuto di proposta dell'esperienza cristiana concepita e vissuta secondo il carisma di Comunione e Liberazione. Si tratta della raccolta di interventi di don Giussani in varie occasioni, in particolare durante conversazioni con responsabili del Movimento stesso in questi ultimi anni.
Tali approfondimenti sono stati raccolti e ordinati intorno a parole-chiave che rappresentano le tracce fondamentali di un cammino cristiano. Innanzitutto l'affermazione centrale è quella che il cristianesimo è un avvenimento imprevisto e imprevedibile: è l'annuncio che il Mistero è diventato un uomo, nato da donna in un determinato luogo e in un determinato tempo. La modalità con cui Dio è entrato in rapporto con l'uomo per salvarlo è un avvenimento, un fatto storico, non un pensiero o un vago sentimento religioso. È questa modalità che apre la ragione dell'uomo e muove la sua affezione di fronte a una Presenza eccezionale eppure integralmente umana.
L'avvenimento di Cristo permane nella storia attraverso la compagnia di coloro che Egli immedesima a sé nel Battesimo. Questo gesto segna l'inizio di un protagonista nuovo nella storia del mondo. È un io nuovo, la cui dimensione è l'appartenenza a un soggetto storico preciso: il popolo di coloro che «sono chiamati con il suo nome» (Ger 14,9), attori di una lotta appassionata per affermare in ogni circostanza della vita il Significato per cui vale la pena vivere tutto. Il Suo volto più compiuto è quello della misericordia che si afferma sempre, anche su tutte le brutte possibilità della storia.