Mondo - 2019

Claudia Piccinno con don Paolo Bargigia (a sinistra) e il marito

Repubblica Ceca. Quando tutto cambia

MondoPaola Ronconi

Le parole di un articolo, la nuova vita all'estero, il marito e i figli che uno pensa di conoscere bene... Claudia racconta che cosa, nella sua esperienza, regge le tante sfide del vivere. Da "Tracce" di giugno

Cesar Senra

Spagna. I “viventi” e i “burlaos”

MondoDavide Perillo

Insegnante di Madrid trapiantato in Catalogna, Cesar è responsabile di Gioventù Studentesca nel suo Paese. Su "Tracce" di giugno fa i conti con gli ultimi Esercizi della Fraternità. Partendo dalla sua storia, e da ciò che oggi affascina i "suoi" ragazzi

Stefano e Manolita Antonetti con in figli in Uganda.

Uganda. Se il tempo è amico

MondoPaolo Perego

Un cammino che ricomincia, dopo 19 anni in Africa. Stefano e Manolita, davanti alla provocazione degli Esercizi, rileggono la loro storia. Piena di una "preferenza" che non è mai venuta meno (da Tracce di giugno)

Da sinistra in piedi, José Francisco Sánchez, Alejandro Marius e Aquiles Baez.

Venezuela. C'è un popolo nella musica di Francisco

MondoMonica Poletto

Un sogno nel cassetto che per necessità, e per l'aiuto di alcuni amici, diventa realtà. Di più, va oltre ogni aspettativa, coinvolgendo nella produzione di un disco i più grandi musicisti del Paese. E facendo nascere una profonda amicizia

Venezuela: il popolo, il canto, il lavoro
Rober con la moglie Mamen

Madrid. Rober (o la gioia di essere figlio)

MondoGuadalupe Arbona Abascal

Come può la vita di un uomo fragile e infermo essere tanto utile? «Chi va a trovarlo esce cambiato» da un modo di vivere la malattia che è un bene per la famiglia, gli amici, i medici, gli altri pazienti. Una testimonianza da Tracce di giugno

Un momento dell'incontro per i 30 anni di CL a Salvador de Bahia

Brasile. Una novità per la vita

Mondo

L’esperienza del movimento a Salvador de Bahia ha compiuto trent'anni. La vocazione, il lavoro, la famiglia. Nelle parole di alcuni amici, il valore storico e l'attualità della proposta di don Giussani

Marco Montrasi (in basso, secondo da sinistra), responsabile di CL in Brasile,  con alcuni della comunità di Salvador
Lagos

Nigeria. Un fiore che non è stato seminato

MondoLuca Fiore

In una delle metropoli più popolose del mondo, l'esperienza della piccola comunità di CL. Le elezioni politiche, la sofferenza dei cristiani e le provocazioni del movimento. Tra nuovi incontri e "vecchi" amici che tornano

Giovani della comunità di CL di Lagos
Profughi venezuelani sulla Panamericana a Santander de Quilichao, Colombia (© Luis Robayo/Getty Images)

Vivere in Venezuela

MondoAlessandra Stoppa

La situazione del Paese si deteriora. E c’è chi, come Gabriela, ha dovuto perdere tutto per salvare il figlio. Ma anche qui è sempre possibile costruire. Oggi che «la politica o è amicizia o non interessa più a nessun uomo vero». Da "Tracce" di maggio

Gabriella, Venezuela
La Cattedrale di Vilnius

Lituania. Il positivo che c'è

MondoLuca Fiore

Ha sviluppato la cultura dell’affido dove c’erano solo gli internati di stampo sovietico. E lo ha fatto attraverso la testimonianza. Da Tracce di aprile, la storia (e il metodo) di Sotas, la ong di Vilnius che si occupa di minori a rischio

Vilma Jarmalaviciene, una dipendente di Sotas

Una scuola cattolica, cioè per tutti

MondoLuca Fiore

Nell'Olanda ultrasecolarizzata una scuola elementare di Vught è diventata un caso politico. Laurens Peeters racconta, su Tracce di aprile, l’avventura iniziata con altri genitori. Che hanno messo in gioco la loro fede

Laurens Peeters, il direttore della scuola elementare Misha Van de Vries
Padre Zacharie Bukuru

«Così continua la testimonianza dei 40 giovani martiri di Buta»

MondoLuca Fiore

«Se non avessimo perdonato, saremmo morti nel cuore». Dal massacro dei suoi allievi alla strada che l'ha portato a fondare il primo monastero maschile in Burundi. Dove oggi educano i ragazzi al lavoro e alla pace. Parla padre Zacharie Bukuri

Le tombe dei 40 martiri di Buta
Giessini di Miami

Miami. I ragazzi, il fuoco e Mrs. Smith

MondoAnna Leonardi

Ogni mattina, una coda di studenti aspetta davanti all’aula D104. Prima delle lezioni, si trovano con la prof di Religione a fare compiti, domande, a raccontarsi la vita. Da "Tracce" di dicembre, un viaggio nell’esperienza di Gioventù Studentesca a Miami

Crandon Park, la messa con father José Medina