Verso il Meeting. Le novità e come partecipare

I temi, i volti, l’App per prenotarsi, il padiglione per i ragazzi e lo sport... A un mese dall’evento di Rimini, facciamo il punto sulla nuova edizione con il direttore, Emmanuele Forlani
Maria Acqua Simi

Manca meno di un mese e a Rimini un popolo di amici, volontari, professionisti, giovani e meno giovani, è in fermento per preparare il Meeting, il primo totalmente aperto al pubblico dopo la pandemia. Cosa aspettarsi da questa edizione? Quali novità ci sono? Come prenotare mostre e incontri?... Ne abbiamo parlato con Emmanuele Forlani, direttore della Fondazione Meeting per l’amicizia fra i popoli.
«La prima cosa che mi preme dire è che il titolo “Una passione per l’uomo” era stato scelto un anno fa, ma in queste settimane si è visto come sia profondamente attuale. Tutta la settimana ruoterà intorno a questo, perché è un tema che riguarda la vita di tutti, le fragilità, i dubbi, le domande su cosa voglia dire essere liberi o sperare quando tutto sembra essere perso. Pensiamo alle difficoltà di chi è in fuga dalla guerra, alle famiglie, al nostro stesso Paese che si è trovato ad affrontare una pandemia mondiale e ora un conflitto nel cuore dell’Europa. Al centro di tutto ci sarà il tema educativo, che sentiamo come centrale, non solo in ambito scolastico ma anche sociale, economico, lavorativo. Non mancheranno incontri con a tema la scienza, l’economia, la sanità, la politica, l’energia o il PNRR. Abbiamo cercato di declinare tutto questo attraverso testimonianze e dialoghi. C’è bisogno di ascoltare».

Ecco perché, spiega Forlani, al Meeting saranno presenti tra gli altri il poeta Boris Chersonskij e l’artista ucraino Pavel Makov, Irina Scerbakova ed Elena Zhemkova del Memorial di Mosca. Attesissima, poi, la grande poetessa russa Ol’ga Sedakova. E, ancora, lo psicoanalista argentino Miguel Benasayag, il drammaturgo francese Eric-Emmanuel Schmitt o John Mather, astrofisico della NASA e Premio Nobel per la Fisica.

Non mancherà il dialogo con la politica, con molti incontri come quello, tra gli altri, organizzato con l’Intergruppo parlamentare per la sussidiarietà. «Ci saranno diverse istituzioni in Fiera, tra cui il Commissario europeo Paolo Gentiloni, il premier Draghi e numerosi ministri che avevamo invitato da tempo. Oggi che ci troviamo in maniera inaspettata in mezzo a una campagna elettorale, il Meeting diventa un’occasione di giudizio e di confronto con chi ha responsabilità politiche in Italia», sottolinea Forlani.

Una novità di quest’anno è il nuovo padiglione interamente dedicato allo Sport e al Villaggio Ragazzi, pensato e ideato per bambini e ragazzi dai 2 ai 14 anni. «Abbiamo allestito oltre 100.000 metri quadri in Fiera, cercando di testimoniare che ciascuno di noi – e parliamo di circa 2.500 volontari - è chiamato a “dire io”, come gratitudine per il bene ricevuto e incontrato. Per questo ci sarà anche il nuovo spazio per Sport e Villaggio Ragazzi, con un programma ricchissimo. Il villaggio, in particolare, sarà come un Meeting nel Meeting costruito su misura dei più giovani. Lo abbiamo pensato coinvolgendo diversi genitori. Ci saranno laboratori, giochi, spettacoli, letture, il servizio babysitting. E anche due mostre molto belle».

LEGGI ANCHE - Meeting 2022. Le mostre, le fessure e la passione

Per gustare tutto questo è bene non farsi trovare impreparati. E scaricare la App del Meeting. «Abbiamo snellito le procedure di ingresso in Fiera e sviluppato un aggiornamento dell’App, scaricabile gratuitamente su qualunque smartphone. Ci tengo molto, e insisto un po’, nel dire che è necessario scaricarla per prenotare mostre e incontri e per accedere alla Fiera. Ma non si deve preoccupare chi non avesse la possibilità di farlo: chiunque abbia l’App può avere fino a 10 ospiti per i quali prenotare gratuitamente tutto. Le mostre sono prenotabili dal primo di agosto, gli incontri invece sono già disponibili. A chi mi chiede se è possibile fare tutto last minute dico di sì, ma con il rischio di trovare i posti esauriti». L’invito, quindi, è di prenotare il prima possibile. Per non perdersi un centimetro della bellezza che ci aspetta.

Guarda qui per vedere come partecipare e scaricare l’App