Voi ch'amate lo criatore. Laude medievali

Coro di Comunione e Liberazione diretto da Pippo Molino
Coop. Edit. Nuovo Mondo - distr. Universal Music
2010


Per il mondo medievale la permanenza di Cristo nella storia era un fatto: Cristo era realmente una presenza. Queste Laude sono il risultato di una semplicità, come virtù, che aderiva all’evidenza dello stupore che quell’Uomo destava.
Lo stupore che suscitava era come una promessa: una promessa di qualcosa di meglio, di più forte, di più vero, di più amoroso, di più compassionevole, di più veramente vita… era una promessa.
La vita umana non è dignitosa se non nasce nella consapevole relazione con il proprio destino, e perciò con Cristo, perché Cristo è il destino di ogni cosa. È da questa commossa consapevolezza che nascono le Laude.
Che non mi sia vetato lo tuo amore, in me non possa nulla ria indignanza. L’indignanza (cioè l’ignobiltà, la non dignità) è definita "ria", colpevole, perché a noi è stato dato di conoscere il senso del nostro destino. È abolendo la "ria indignanza" che si rende possibile la nostra vita, che il suo amore, l’amore dell’Essere, il significato di cui tutto è costituito ci diventa familiare; e perciò diventa possibile il gusto del vivere, la certezza, la speranza, l’affezione a sé, agli altri, alle cose, al presente, al futuro.

(da Tutto in Lui consiste di Luigi Giussani - estratto dal libretto incluso nel CD)