#Coronavirus - Pagina 2

Il sintomo di un'inquietudine di fondo

Lettere

Elena, nei primi giorni di chiusura delle scuole, era presa da mille cose. Poi si accorge che, in questo non fermarsi mai, c'è qualcosa che non le torna. E inizia un lavoro...

Si può offrire di tutto, oltre le preghiere

Lettere

Suo marito è impegnato nel reparto Coronavirus. Lei a casa con i figli impegnata con le "solite cose": pulire, lavare, cucinare. E si chiede: «Qual è la mia utilità in questo momento?».

Sergio Marchionne

Il contributo del meeting@home

CulturaGuglielmo Evani

Alcune perle dall'archivio del Meeting di Rimini. Sul sito e sui social della kermesse: testimonianze, conferenze e spettacoli da rivedere in questo periodo di isolamento. Dalle "donne di Rose" a Marchionne, da Lech Walesa a Robert Plant

«Qui Gesù non lo vedi solo se non vuoi»

Lettere

È ricoverato per Coronavirus. Fatica a respirare, ma tiene gli occhi aperti. Per scoprire i tanti segni della Sua presenza. «Non sono contento di essermi ammalato, ma grato per quello che sto scoprendo»

Lo "streaming" non può nascondere il buio dentro di te

Lettere

La telefonata di un amico in quarantena. Il ricordo di una vacanza nei luoghi di San Benedetto e la domanda del salmo: «C’è un uomo che vuole la vita e desidera giorni felici?». Che neanche i tentativi di restare in contatto possono censurare

Un sorriso dietro la mascherina

Lettere

Il lavoro in un Pronto soccorso di Roma. L'allarme per il primo malato di Coronavirus. Benedetta ripensa alle parole di Carrón sul Corriere della Sera e a quel "metodo" che vale per tutti: «A sostenerci non è l'intelligenza o il coraggio, ma una presenza»

La voglia di rispondere alla realtà è più forte

Lettere

Non potersi trovare insieme, non poter andare a messa. Per Elisa e Laura, la vera sfida non è «vedersi lo stesso» o «nonostante» ciò che sta accadendo. Ma provare a stare di fronte a una provocazione: che passo ci è chiesto?

Una domanda in reparto: «Ma tu chi sei?»

Lettere

Lei è un'infermiera che lavora con pazienti positivi al Covid19. Le grida di una donna al telefono. Un anziano prete impaurito. Due episodi in cui, dentro al lavoro, «Cristo mi ha chiesto: "Hai paura? Ti fidi di me?"»

Raffaella Paggi, rettore della Fondazione Vasilij Grossman

Il salto della scuola

AttualitàAlessandra Stoppa

Raffaela Paggi, rettore della Fondazione Vasilij Grossman di Milano racconta come l’emergenza-Coronavirus sta cambiando la vita scolastica. «Ora ai ragazzi non puoi chiedere meno che agli adulti»

La mia nuova vita (anche) grazie al Coronavirus

Lettere

Tornare all'essenziale, pregare e seguire - come si può - i gesti indicati dal movimento. Efrem racconta come, e perché, si può vivere "il centuplo quaggiù" anche chiusi in casa da giorni

La lettera di Julián Carrón al movimento

AttualitàJulián Carrón

Gli appuntamenti di questo periodo sono sospesi per l'emergenza. Ma «niente ci impedisce di proseguire il cammino per incrementare la certezza. Perciò vi invio la domanda che avevo pensato per gli Esercizi: "Che cosa ci strappa dal nulla?"»

«Il virus? Una lente d'ingrandimento su di me»

Lettere

Stress organizzativo, incomprensioni, disagio dei pazienti. In un reparto diventato un ospedale da campo, Luisa si sente affondare nelle difficoltà del lavoro da infermiera. E si chiede: «Essere cristiani che cosa cambia?».

Mauro Magatti

Magatti: «Una speranza che resiste all'angoscia»

AttualitàDavide Perillo

Un dialogo col sociologo della Cattolica sulla lettera di Carrón sul Coronavirus. La fragilità, la verità della nostra vita, la riscoperta del "bene comune". E il senso di un'esistenza che non è autoreferenziale

Chiusi in casa. Senza fermare la vita

Lettere

Lo studio per la tesi senza gli amici, niente Scuola di comunità, nessun momento di ritrovo. È ancora possibile continuare l'esperienza del movimento? Federico scopre che, anche con le restrizioni per il Coronavirus, ha tutti gli strumenti per il cammino

La messa a Santa Marta

La messa del Papa in streaming

Chiesa

Dopo la sospensione dei riti con fedeli in tutta Italia, in segno di vicinanza ai malati, ai medici, gli infermieri e i volontari, il Santo Padre ha deciso di far trasmettere in streaming la celebrazione a Santa Marta delle 7 di mattina

Coronavirus. Il comunicato della CEI

Chiesa

I Vescovi accettano la decisione di sospendere la celebrazione delle messe con i fedeli «in forza della tutela della salute pubblica». Ma non rinunciano alla «responsabilità di prossimità al Paese»

Beppe, allevatore in provincia di Cremona

«La fede mette al posto giusto la paura»

AttualitàLuca Fiore

Beppe si occupa della mungitura di 300 vacche in provincia di Cremona. Racconta la vita quotidiana fatta di prudenza, preghiera e meraviglia per le cose che accadono. «La cosa più cara è ciò che ogni giorno mi è dato da vivere»

Stagno Lombardo (Cremona)